I LAVORI DA REALIZZARE

La salvaguardia del muro di contenimento del piazzale e della cisterna, e più in generale dell'intero sito, dipende però da un più complesso sistema di regimentazione delle acque: esso dovrà impedire ai deflussi di concentrarsi sul piazzale e dirigersi nella cisterna. In tale ottica sono state ipotizzate le seguenti necessarie opere:

1.realizzazione di una vasca di raccolta posizionata in un terrazzamento esistente ad una quota inferiore di circa 2 m rispetto al piazzale. La vasca avrebbe la funzione di conservare l'acqua piovana per un utilizzo irriguo. Dovrà essere realizzata in loco, a causa dell'impossibilità di trasportare sul posto manufatti di grandi dimensioni, e rivestita in pietra a spacco in modo da conformarsi con l'ambiente. Sarà, inoltre, predisposto l'alloggiamento di una elettropompa.

2.realizzazione di un tubo disperdente, della lunghezza di circa 40 m, capace di disperdere l'acqua dalla vasca di raccolta sino al versante parallelo al sentiero.

3.realizzazione di una condotta interrata lungo il terrapieno: raccoglierà l'acqua proveniente dal versante a monte della chiesa (che attualmente scarica nella cisterna), connettendosi alla nuova vasca.

4.realizzazione di una pavimentazione impermeabile in pietra naturale che, dotata di opportune pendenze, conduca i deflussi superficiali provenienti dal piazzale e dalla falda del tetto verso un'apposita caditoia e alla nuova vasca. Impedendo il ristagno dell'acqua nel piazzale saranno evitate le lesioni al muro di contenimento.

5.innalzamento di circa 50 cm di una porzione del muro di contenimento che si affaccia sull'antica cisterna: opera necessaria per realizzare una giusta pendenza del rivestimento del piazzale verso la caditoia.

Ecco il diagramma riassuntivo:


Altre importanti opere che saranno realizzate i prossimi anni grazie il contributo degli associati e delle autorità locali:
- sostituzione degli infissi 
- realizzazione di un parapetto sul piazzale

/